I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

Il racconto di Essa come volontario in servizio civile Italia

Sono Essa, ho 19 anni e sono nato in Gambia nella città di Serekunda. Sono arrivato in Italia un anno e mezzo fa e pochi mesi dopo ho avuto la fortuna di conoscere L’Africa Chiama. Ho iniziato il mio percorso all’interno dell’associazione come volontario, aiutando in ufficio e partecipando alle attività didattiche portate avanti nelle scuole di Fano e dintorni.

Da novembre continuo la mia attività con l’Africa Chiama come volontario in Servizio Civile Italia. Il servizio civile con L’Africa Chiama è un’esperienza unica che mi sta aiutando ad accrescere il mio bagaglio di conoscenze ed esperienze in uno stato per me totalmente nuovo.

Tra le varie attività di cui mi occupo, con i miei compagni Rosa e Mattia, anche loro civilisti, ho la possibilità di incontrare e parlare con altri ragazzi beneficiari di accoglienza presso le cooperative della zona, come me, e preparare insieme a loro delle testimonianze da portare nelle scuole di Fano. Questo lavoro è molto importante per me perché condividere la nostra storia di migrazione, aiuta i ragazzini a conoscere e comprendere la situazione di noi richiedenti asilo, li rende curiosi e desiderosi di sapere del nostro paese di origine, della nostra vita prima di partire, di conoscere le nostre motivazioni e aspirazioni per il futuro.

Tra i ragazzi che partecipano con noi ai laboratori nelle scuole, c'è Mazou e la sua storia mi ha colpito particolarmente. Mazou viene dal Burkina Faso, è stato abbandonato dalla sua famiglia perché i suoi genitori non erano sposati e questo nella sua comunità rappresentava un fatto molto grave. A causa di questa condizione non ha potuto ricevere nessun tipo di istruzione o integrazione sociale. Emarginato e al culmine della sopportazione ha deciso di scappare dal Burkina verso altri stati limitrofi dove però, non ha trovato fortuna, è stato catturato e ridotto in schiavitù. Dopo una nuova fuga e un pericoloso viaggio ha raggiunto finalmente l’Italia, l’unico paese che fino ad ora, gli ha permesso di nutrire speranze per un futuro migliore.

Il nostro futuro migliore inizia proprio da qui, dal lavoro che facciamo nelle scuole, che ci permette di farci conoscere e di raccontare le nostre storie e i nostri paesi, di accendere i riflettori sull’Africa e di renderci tutti parte dello stesso magnifico mondo.

Articolo di Essa Jawara volontario servizio civile Italia

 

Guarda i nostri video


Il racconto di Essa come volontario in servizio civile ItaliaIl racconto di Essa come volontario in servizio civile ItaliaIl racconto di Essa come volontario in servizio civile Italia

Il racconto di Essa come volontario in servizio civile ItaliaIl racconto di Essa come volontario in servizio civile ItaliaIl racconto di Essa come volontario in servizio civile Italia

Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.