I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

POSITIVE LIVING - Articolo di Matilde volontaria in Kenya

“Positive living” è un'espressione che viene comunemente usata quando si parla di persone sieropositive per descrivere l'attitudine di coloro che, pur avendo il virus, scelgono di vivere una vita serena e tranquilla, accettando il proprio stato e cercando di far fronte alle difficoltà quotidiane con una predisposizione, appunto, sempre positiva.

Questo è uno dei tanti temi che vengono affrontati durante le lezioni del PMTCT(il programma in cui ci occupiamo della prevenzione della trasmissione del virus dalla mamma al bambino) e su cui le 25 mamme che compongono il gruppo di supporto vengono spronate a riflettere. Perché, per quanto possa essere duro da accettare, le mamme devono poter imparare che è proprio nell'accettazione della propria situazione che si può trovare la forza necessaria per superare anche i più piccoli problemi della vita. Può sembrare un paradosso, eppure è quello che, piano piano e solo dopo tanti incontri, possono riuscire a raggiungere. Essere sieropositive sì, ed accettarlo senza pensieri.

E sono tante le donne che hanno già fatta proprio questo stile di vita e che, senza problemi, rivelano alle altre in che modo possono affrontare le sfide e lo stress a cui sono sottoposte non solo in quanto madri, ma soprattutto in quanto donne sieropositive. C'è chi racconta che, consapevole della dannosità dello stress per il proprio corpo, reagisce a qualunque situazione le possa capitare senza mai stressarsi; e c'è invece chi sottolinea quanto cantare e ballare costituisca un aiuto fondamentale per far fronte alle difficoltà che le affliggono.

Una delle ultime mamme inserite nel programma ha solamente 17 anni ed è addirittura nata  sieropositiva: tra le varie domande del questionario che facciamo quando andiamo a visitare le madri a casa per la prima volta, ce n'è una molto personale che riguarda in che modo l'HIV causa problemi alle donne nella vita di tutti i giorni: di solito le mamme a questo punto ci raccontano  degli effetti che hanno gli antiretrovirali sul loro corpo, delle angosce interne che hanno (come lo stigma nell'accettare il proprio stato), oppure le difficoltà a relazionarsi con i membri della famiglia che non vogliono accettare la loro condizione.

Questa ragazza invece ci ha guardato quasi stupita e ci ha semplicemente risposto: “Non ho nessun problema, ci sono nata con l'HIV”.  Perciò, per quanto sia triste pensare che da tutta la vita questa giovane mamma debba convivere col virus, una simile risposta ci fa anche vedere quanto una predisposizione positiva verso il virus possa permettere di condurre un’esistenza serena anche (e proprio) nell’affrontare le situazioni più difficili.

Matilde Giunti, volontaria in servizio civile nello slum di Soweto (Kenya)

Leggi anche:

New life Mwangaza - Articolo di Matilde

Il racconto di Domenico dalla baraccopoli di Soweto

Articolo di Giulio volontario in servizio civile (Zambia)

Servizio Civile con l'Africa Chiama

Corso di preparazione al volontariato in Africa

Guarda i nostri video


POSITIVE LIVING - Articolo di Matilde volontaria in KenyaPOSITIVE LIVING - Articolo di Matilde volontaria in KenyaPOSITIVE LIVING - Articolo di Matilde volontaria in Kenya

POSITIVE LIVING - Articolo di Matilde volontaria in KenyaPOSITIVE LIVING - Articolo di Matilde volontaria in KenyaPOSITIVE LIVING - Articolo di Matilde volontaria in Kenya

Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.