I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

Elisa racconta la sua esperienza in Tanzania

Difficile scrivere di questa esperienza. La Tanzania ha significato “casa” per un anno intero della mia vita, e ora raccontare quello che è stato è davvero complicato.

È per questo che a chi mi chiede: “come è andata?” non so mai come rispondere. Non si possono riassumere 11 mesi di vita in Africa in una risposta sola.

Sarebbero da raccontare tutte le esperienze vissute, le soddisfazioni e le frustrazioni, gli sforzi per avvicinare la mia mente al mondo africano.

Sarebbero da raccontare tutte quelle piccole/grandi storie di persone che ho incontrato, e che ora sono un pezzo della mia storia.

Sarebbero da raccontare gli abbracci e i sorrisi dei bambini del SAMBAMBA e  KIPEPEO, la bellezza delle loro mamme.

Sarebbero da raccontare i paesaggi, i tramonti, la natura incontaminata che mi ha circondata.

Sarebbe da raccontare tutto questo, ma a chi ti chiede “come è andata?” , a volte solo per cortesia, senza reale interesse ad andare a fondo, rispondo con un: “bene”, tanto riduttivo e banale.

Perchè alla fine è quella la risposta vera: nonostante tutte le difficoltà incontrate a Iringa, i momenti in cui vorresti tanto essere a casa tua, quella in Italia, ora che ci sei la mente torna là di continuo.

Mi sembra ieri che son partita e poi penso che mi sembra di essere stata via una vita.

Ripenso agli ultimi giorni al SAMBAMBA. I bambini cantano, si divertono come al solito. E tu invece hai un mezzo nodo alla gola. Un mezzo nodo al pensiero di cosa sarà di loro. Ma è già ora di fare le valigie e tornare a casa...

Un giorno una signora che ho conosciuto, con anni di esperienza in Africa alle spalle, mi ha detto: ora devi pensare con che valigia torni a casa.

Ecco, io credo che avrò ancora bisogno di un po' di tempo per assorbine appieno questa esperienza, ma sicuramente la mia valigia ora è molto più pesante.

Elisa Caiterzi - volontaria in servizio civile (Tanzania) 

Leggi gli altri articoli di Elisa: 

ALBINI IN TANZANIA

Un nuovo presidente per la Tanzania

Una giornata di allegria al Centro Kipepeo

Guarda i nostri video


Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.