I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

Subscribe on YouTube

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

ALBINI IN TANZANIA

ARTICOLO DI ELISA VOLONTARIA IN SERVIZIO CIVILE (TANZANIA)

Il periodo appena trascorso, quello delle elezioni politiche in Tanzania, è stato segnato non solo da violenze e brogli, ma anche da un fenomeno che va avanti da decenni: la persecuzione degli albini.
L’albinismo può essere definito come un’anomalia genetica, caratterizzata da una riduzione o un’assenza congenita della melanina nella cute, nella pelle, negli occhi e nei capelli.
La Tanzania è il Paese al Mondo con la maggior incidenza di persone con albinismo. Se a livello mondiale si stima che sia affetta una persona su ventimila, in Tanzania l’incidenza è molto più elevata: una ogni 1.400.


Durante le elezioni il numero di violenze nei confronti di queste persone è aumentato notevolmente. La causa è riconducibile alla credenza diffusa che il sangue e le parti del corpo degli albini siano potenti talismani capaci di portare fortuna e, quindi, usate nei riti di stregoneria tribale.
In alcune zone, infatti, c’è chi pensa che ingerire pozioni contenenti parti del corpo degli albini possa portare ricchezza.
I costi di questi “talismani” sono molto spesso proibitivi per gran parte della popolazione, questo dimostra che non sono solo la povertà e l’ignoranza a indurre le persone a rifugiarsi nella superstizione: spesso, infatti, i clienti degli stregoni sono persone ricche e benestanti.


Tra le credenze diffuse c’è anche quella secondo cui avere rapporti sessuali con una persona albina possa guarire l’Aids. Per questo motivo le donne albine sono spesso vittime di stupri.
Persecuzioni e violenze non sono i soli ostacoli che si trova ad affrontare un albino nato in Tanzania: la principale causa di morte, come in altri Paesi, rimane il cancro alla pelle. Secondo uno studio condotto a Dar Es Salaam si è scoperto che meno del 10% degli albini arriva ai 30 anni e solo il 2% supera i 40.

Mentre l’assistenza medica sta lentamente migliorando, alcuni operatori sanitari sono ancora influenzati dalla superstizione e hanno paura a toccarli o restano totalmente indifferenti nei loro confronti.

Il CENTRO SAMBAMBA de L’Africa Chiama accoglie da 4 anni un bambino albino, Luca, che oltre a ricevere mensilmente delle creme per la protezione della pelle, ha l’occasione di interagire con gli altri bambini, stimolando così l’inclusione sociale.

Elisa Caiterzi volontaria in servizio civile (Tanzania)

 LEGGI ANCHE:

Un nuovo presidente per la Tanzania

Tanzania, la disabilità non è una barriera, abbatti la discriminazione

Una giornata di allegria al Centro Kipepeo

L'AFRICA CHIAMA AL COORDINAMENTO NAZIONALE ALBINI IN ZAMBIA

Guarda i nostri video


ALBINI IN TANZANIAALBINI IN TANZANIAALBINI IN TANZANIA

ALBINI IN TANZANIAALBINI IN TANZANIAALBINI IN TANZANIA

Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.