I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

Subscribe on YouTube

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

LA STORIA DI ALIK

“Lo sguardo vuoto, fisso in un punto lontano. Alik è cieco.

Alik abbraccia suo figlio Brian, 6 anni, all’uscita della Scuola Shalom di Kanyama in Zambia che il piccolo frequenta. E’ felice perché ha appena ricevuto una grande notizia: un nuovo servizio medico sta partendo alla clinica Shalom.

Due volte al mese un oculista visiterà gratuitamente tutti i bambini della scuola e della comunità. Basterà mettersi in lista per un controllo. Caso per caso deciderà se somministrare dei farmaci, fare delle visite specialistiche nei casi più a rischio, o provvedere con un paio di occhiali. 

Questa è davvero una bellissima notizia per Alik che a soli 4 anni ha iniziato ad avere i primi problemi di vista, peggiorati progressivamente, fino ad arrivare alla totale cecità. “Niente scuola,né lavoro per chi non può vedere” – racconta Alik con amarezza - Mi rendo conto che se fossi nato in un altro luogo probabilmente non sarei diventato cieco: se ci fosse stato un oculista, se solo avessi potuto acquistare i farmaci necessari, se solo fossi cresciuto in un ambiente pulito… forse, forse!

Purtroppo, in Zambia, la cecità è molto diffusa, soprattutto nei bambini, spesso causata da batteri che riescono a proliferare vista la mancanza di acqua pulita e di igiene. Ma in molti casi, se diagnosticato in tempo utile, un disturbo alla vista può essere curato, anche facilmente, evitando la cecità. “La cosa importante è che ora i miei figli abbiano la possibilità di sfuggire a questa malattia. Loro avranno la possibilità che io non ho avuto. Il mio cuore si è alleggerito e ho pensato che davvero questo è un grande dono di Dio: i miei bambini saranno visitati e avranno così molte meno possibilità di diventare ciechi. Che Dio benedica tutti voi per questo importante dono.”       

GUARDARE AL DOMANI SI PUO’

Guarda i nostri video


LA STORIA DI ALIK LA STORIA DI ALIK  

Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.