I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

Con il Sambamba nel Cuore

Miriam TESTIMONIANZA DI MIRIAM VOLONTARIA IN TANZANIA -

Sono difficilmente descrivibili le emozioni, i sorrisi, i colori, le canzoni, le danze, i bambini e le operatrici del SAMBAMBA E' difficile non innamorarsi così tanto di loro da non riportarsi indietro fotografie impresse nella mente e pezzi di memorie. Il centro Sambamba insieme al Kipepeo (centro nutrizionale) hanno una tale forza da avermi lasciato un poco sconcertata e quasi impassibile i primi giorni in cui mi sono trovata lì.

Il ritmo è ferrato proprio come quello di una scuola e le operatrici: Blandina, Paulina, Cresensia, Letisia, Mariam, Agnes, Baati, Amina assieme a Newton con cura e tanti sorrisi provvedono a mandar avanti tutte le attività: fisioterapia, intrattenimento, disegno, ballo, canto, pulizia, preparazione dei pasti e accoglienza delle mamme che vengono ogni lunedì, mercoledì e venerdì al centro nutrizionale.

Se all'inizio mi sono trovata spaesata dopo qualche giorno si è creata una tale unione fra me e tutte le persone del centro da sentirci come una vera famiglia, le nostre idee - mie, di Matteo e Dario, gli altri volontari partiti con me - venivano sempre ben accolte così come le loro venivano, a gesti, seguite da noi.  Fondamentale è la lingua, noi tre abbiamo fatto il possibile per imparare quanto basta di swahili per poter farci capire e capire loro e anche se non abbiamo raggiunto livelli eccellenti: gli occhi, i gesti ma soprattutto il cuore ha parlato per noi. Indimenticabile il saluto finale, di una potenza sorprendente fra balli, canti di “Karibù Tena", pianti e promesse.
Ci siamo lasciati sottolineando che questo non è altro che un inizio perché il Sambamba deve continuare la sua attività senza mai fermarsi.
Miriam Paci, volontaria a Iringa (Tanzania), Maggio 2014

Miriam Paci volontaria al centro Sambamba


Guarda i nostri video


Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.