I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

Subscribe on YouTube

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

La testimonianza di due giovani che hanno scelto la vacanza " alternativa" in Tanzania

Anche quest'anno nel periodo estivo molti giovani hanno scelto vacanze alternative allo scopo di conoscere la realtà dei Paesi in via di sviluppo e prendere contatti con i progetti avviati dalle loro organizzazioni.
E così, alla fine di Luglio, anche noi due, Carla Aime, 31 anni, ingegnere presso la Telecom di Roma e Sauro Monnecchi, 35 anni, ragioniere, volontario in una casa di Fraternità presso Assisi, siamo partiti con destinazione Tanzania, nelle zone dove è presente 1'Associazione Papa Giovanni XXIII di don Oreste Benzi. Sentivamo un estremo desiderio di vedere, capire, ascoltare, imparare e siamo tornati con tanta voglia di sete di giustizia, di cambiare ed anche di raccontare quanto abbiamo visto e vissuto per sensibilizzare anche altri sulle condizioni drammatiche, spesso dimenticate, in cui vive gran parte della popolazione tanzaniana. La Tanzania e il settimo paese più povero del mondo. I1 reddito medio non basta a coprire i bisogni fondamentali. La malnutrizione, specialmente dei bambini, le malattie, la mancanza di cure e la scarsa istruzione costituiscono dei gravi problemi. II dilagare dell'Aids ha aggravato ulteriormente questa situazione di grande precarietà che ha il volto di tanti orfani di uno o entrambi i genitori, di ragazzi in fuga da famiglie in grave stato di disagio, di famiglie distrutte da alcoolismo e disperazione e di tantissimi bambini malati di Aids
I volontari della Papa Giovanni, presenti in Kenya, Tanzania e Zambia, devono fare i conti con questa dura realtà, nella quale stanno attuando il Progetto Rainbow: un programma di interventi umanitari su larga scala per raggiungere ed aiutare il maggior numero di bambini. Laila, responsabile della Associazione Papa Giovanni in Tanzania, afferma:" Abbiamo aperto tre Centri di Pronto Soccorso per ragazzi di strada grazie al comitato l'AFRICA CHIAMA di Fano (tel.0721/865159) che,con l’iniziativa delle Bomboniere della Solidarietà, ne sostiene il funzionamento. La concretezza di un gesto che in un momento di gioia e di festa spalanca le porte ai fratelli più poveri e più lontani è veramente un mattone di quei ponti che leniscono le sofferenze e portano un po' di speranza" Abbiamo potuto visitare i tre Centri: nella città di Iringa Casa " Maruha" accoglie 20 ragazzini, dai 10 ai16 anni, Casa" S. Josefu" ne accoglie 10, nel villaggio di Usokami, presso la "Casa della Carità" al momento sono accolti ben 48 minori dai 4 ai 16 anni. Quattro di loro sono arrivati al Centro, letteralmente distrutti, dopo aver viaggiato nascosti sotto un bus di linea per più di quattrocento chilometri. I ragazzi che, prima, soli e disperati, dormivano spesso all'aperto, coperti da qualche cartone, uno attaccato all'altro per proteggersi dal freddo e dai cani randagi, ora frequentano la scuola oppure lavorano nei campi o in qualche laboratorio artigianale." La polizia- continua Laila- ormai fa riferimento ai nostri Centri per portarvi ragazzini che vengono trovati di notte, in giro per la città o a dormire tra le immondizie. I responsabili dei Centri cercano di ricostruire le storie personali dei ragazzi per arrivare possibilmente al reinserimento nelle famiglie di origine o in altre". Dovunque bambini felici e incuriositi ci saltavano addosso e ci salutavano in coro, contenti di giocare con noi ci prendevano per mano.I1 senso di colpa nel vedere la miseria, ammassata tra baracche in lamiera, e stato forte, anche se ci hanno colpito i colori, la musica, la bellezza e la voglia di vivere. Nelle strade tanta gente arrabbiata con tutto e con tutti. -Io solo sono un bianco, con i soldi, in tasca il biglietto aereo del ritorno.
Enrico,missionario, che vive con i bambini in Casa " S. Josefu", riflette: " In una situazione come questa tutti gli aiuti, dai più piccoli ai più grandi, sono indispensabili e quasi i ogni giorno segnano la linea fra la vita e la morte per tanti bambini. Grazie di cuore a quanti, con la scelta della Bomboniera della Solidarietà, in occasione di matrimoni, battesimi,cresime e comunioni, ci hanno dato e ci daranno una mano" Torniamo in Italia con una grande ricchezza dentro, con un dono che non si può tenere nascosto. Ora è il tempo di promuovere uno stile di vita che sia sostenibile affinché le risorse siano distribuite equamente e tutti abbiano il necessario per vivere.

Carla e Sauro

CLICCA QUI, maggiori informazioni sul volontariato in Africa!
CLICCA QUI, per leggere le altre testimonianze dei volontari in Africa!

I video dei nostri volontari in Africa: 

Ultime Notizie

18.000

bambini raggiunti in Kenya, Tanzania e Zambia.

30

numero di volontari che ogni anno partono per l'Africa.

80%

percentuale dei fondi raccolti destinati ai progetti in Africa.

Guarda i nostri video


Estate 2004 Carla e SauroEstate 2004 Carla e SauroEstate 2004 Carla e Sauro

Estate 2004 Carla e SauroEstate 2004 Carla e SauroEstate 2004 Carla e Sauro

Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.